domenica 8 luglio 2012

Casa di bambola

Mi fa letteralmente schifo scrivere del terremoto. Perchè mi sento patetico.
Probabilmente non piace neppure a voi leggere del terremoto. Perchè è già passato. Perchè è triste e noioso.

Ma io non voglio raccontare un terremoto. Voglio raccontare quello che viene dopo.
Sento il dovere di farlo, anche se non mi piace, perchè so che prestissimo nessuno parlerà più di noi.

Perchè so che da fuori non ci si rende conto...ed è normale e sano che sia così.

Ma io vivo qui e vedo. Osservo. Ascolto.

E finchè io vedrò tendopoli e persone senza casa è giusto che abbiate la possibilità di capire anche voi. Perchè vorrà dire che quelle case non sono state ricostruite.
Finchè non vedrò scuole VERE è giusto che abbiate la possibilità di saperlo. Perchè vorrà dire che quelle scuole non sono state ricostruite.
Finchè vedrò macerie intorno a me è giusto che le possiate vedere anche voi. Perchè vorrà dire che quelle macerie non sono state rimosse.
Finchè fotograferò immagini di distruzione è giusto che le condivida con voi. Perchè vorrà dire che tante persone vivono il malessere di incontrarne la visione ogni giorno.
Finchè ascolterò anime in pena è giusto che le ascoltiate anche voi. Perchè vorrà dire che quelle anime hanno bisogno di aiuto.
Finchè coglierò che anche dopo un evento drammatico e devastante come un terremoto continuano le ingiustizie è giusto che lo cogliate anche voi. E qui non c'è un perchè.
Finchè comprerò le mie sigarette in questo container è giusto che voi siate informati di quello che accade qui. Perchè noi, qui, siamo solo all'inizio.



Mi fa letteralmente schifo scrivere del terremoto ma lo devo fare.

Per etica.

Finchè vivrò qui.

Lo farò a modo mio. Come sempre. Cercando di non essere patetico.
Non parlerò della paura delle scosse perchè ora le conosco e non ho paura. Penso positivamente che appartengano al passato.
Parlerò invece della paura del nulla...perchè il nulla non lo conosco. E non voglio che il nulla appartenga al futuro.
her etico

                                                                  Casa di bambola

Nessun commento:

Posta un commento

La Ele

Questo sorriso si chiama Eleonora. Ha 19 anni. E sta facendo un viaggio speciale. Sola. La Ele la conosco da tempo perché ...