sabato 20 ottobre 2012

Adolescenza

"Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente. Dicono sempre "Andiamo", e non sanno perchè. I loro desideri hanno le forme delle nuvole." 
C. Baudelaire

Adolescenza
sarà anche, poeticamente parlando, la periferia dell'umanità, ma ripercorrere le zone periferiche, stando attenti alla guida, è piuttosto impegnativo. Ti viene una gran voglia di scendere dall'auto e di camminare in centro storico.
Perché, improvvisamente, da un momento all'altro, ti rendi conto che ti sei perso nella nebbia della periferia e giri intorno con la tua macchinina ma non riesci più a "seguire" chi stavi "seguendo".
E anche se fai il genitore "avanzato" che canta ogni giorno l'inno alla libertà, perdere il polso della situazione ti dà un po' da fare.

In realtà, forse, basterebbe pensare alla propria esperienza periferica , assolutamente stracolma di pericoli e dolcissimi errori.

Stasera ho mangiato le caldarroste e ho bevuto vino. Gli adolescenti stanno suonando in un posto strano. Una sorta di circolo anarchico.
Ma a loro non importa il "dove".
Loro dicono sempre "Andiamo". Loro non hanno paura di nulla e si arrabbiano se cerchi di frenarli. Si sentono trattati da piccoli. Si sentono tarpati. Perchè "i loro desideri hanno la forma delle nuvole" e le nuvole cambiano continuamente forma.
Noi, che ci sentiamo pieni di esperienza, ci mettiamo sul piedistallo e pretendiamo la ragione, ma gli adolescenti hanno sempre ragione perché sono ottusamente ragionevoli. E puri. Perché ridono e si arrabbiano per nulla. Perché lo spazio che gli concedi non basta mai. Perché c'è sempre qualcosa di più lontano da scoprire. Perché credono.


Amo molto gli adolescenti. Mi fanno imbestialire ma mi fanno anche tanto divertire.
In fondo, forse sbagliando, li giustifico sempre.
E rido, sotto i baffi, mentre li rimprovero, perché sono sinceri anche mentre dicono le bugie.

I veri viaggiatori non concludono mai il loro viaggio.
"Dicono sempre "Andiamo" e non sanno perché.
Ma noi "adulti", centro storico dell'umanità, che dettiamo regole dal nostro piedistallo di cartapesta, dove andiamo?

un her.etico innamorato degli adolescenti di ogni età.

Ad esempio di LUI...










5 commenti:

  1. Io mi sono ripromesso di continuare a empatizzare quello che prova e proverà mia figlia, ricordandomi come mi sentivo io alla sua età. Finora ci sto riuscendo, non dimenticandomi che una volta quell'età ce l'avevo io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti conosco a fondo ma secondo me ce la puoi fare. :-) Mi sa che sei un po' un "adolescente di ogni età".

      Elimina
    2. E per me è un gran complimento ;-)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina

La Ele

Questo sorriso si chiama Eleonora. Ha 19 anni. E sta facendo un viaggio speciale. Sola. La Ele la conosco da tempo perché ...