venerdì 11 novembre 2011

POLIeTICA

"Io voglio: un tetto per ogni famiglia, del pane per ogni bocca, educazione per ogni cuore, luce per ogni intelligenza" (Bartolomeo Vanzetti)

Potrei fermarmi qui. Questa frase racchiude in sè tutto quello che io vorrei.
Per alcuni potrebbe essere poco. Per altri potrebbe essere troppo.
La polietica è una missione difficilissima.
Fare polietica in Italia credo che sia una missione umanitaria.
E non vedo molti missionari.
Penso sia necessaria tanta passione verso la giustizia. Penso sia indispensabile tanta sapienza e una buona dose di lungimiranza.
Ma la virtù fondamentale, a mio parere, dovrebbe essere una smisurata empatia con i cittadini. In particolare con quelli più deboli.
Io non vedo molti empatici.
In Italia dovrebbe essere una missione anche essere cittadini. Ma non siamo proprio stati educati ad esserlo. Non siamo mai stati molto amati. E forse non ci siamo mai amati molto.

Non so bene cosa succederà. Non so fare pronostici.
Però vorrei tanto che, per quanto ci riguarda, avessimo imparato una lezione...
...non lasciamo che i nostri pensieri vengano guidati da altri...
...non permettiamo che qualcuno ci impedisca di pensare o di decidere...
...non deleghiamo ad altri la nostra vita...
...continuiamo ad insistere.
In questo Paese la politica DEVE essere altro da quella che siamo abituati a subire.
Qualunque cosa succederà, chiunque governerà, non addormentiamoci più.
Perchè a me sembra di vedere già qualche sbadiglio?


6 commenti:

  1. anonima nostalgica12 novembre 2011 10:29

    oggi in parlamento li ho osservati, guardati, ma di polietici ne ho visti ben pochi...forse nessuno, sicuramente nessuno tra quelli che ho sentito. Forse i polietici si nascondono, forse parleranno da domani, se daranno loro il permesso!?sembra che la missione della maggior parte di loro sia tenere salda la poltrona e i privilegi. Un dubbio: ma la mobilità per gli statali vale anche per loro??io ce li metterei tutti in mobilità, chissà che Renzi non lo proponga!!(ovviamente non all'80% del loro stipendio). Cerchero' di non sbadigliare, di crederci ancora la prossima volta che andrò a votare, ma sarà realmente faticoso, per ora intorno c'è una landa desolata di gente trita e ritrita. Il sipario si sta chiudendo...ma alla prossima apertura chi ci sarà dietro??forse ancora lui che dirà di non avere mai messo le mani nelle nostre tasche...spero vivamante in commenti più positivi del mio!!

    RispondiElimina
  2. Tutto bene fino a "lungimiranza".

    Poi viene il punto dolente, il cruccio di chi fa politica con passione: guidare la "gente" o, come dici, essere in empatia, e quindi, in sostanza, farsi guidare da essa?

    Io credo che chi ci governa dovrebbe essere migliore di me, più bravo, capace di spiegarmi perché e come fare certe cose, e non annusare l'aria e cercare solo di cogliere quello che la gente vuole per muoversi di conseguenza.
    Questa modalità di fare politica, secondo me, è molto berlusconiana. Non mi convince. Sembra strano come ragionamento, ma il liderismo alla berlusconi si fonda, tra le altre cose, sul fatto di dire alla gente quello che vuole sentirsi dire.

    Chi governa deve rischiare di suo, mettere in campo le proprie idee, e i cittadini devono fare i cittadini cioè esprimersi, non solo andando a votare, su ciò che i governanti fanno.

    Bunakara

    RispondiElimina
  3. anonima nostalgica15 novembre 2011 06:04

    oggi un politico modenese, Giovanardi, ha dichiarato che Monti è un tecnico e non deve fare politica, che faccia le riforme necessarie (non dovevano farle loro che erano al governo???)e poi loro torneranno a fare politica!! non so a voi ma, a me, suona come una minaccia!!io non li voglio più quelli lì che hanno deriso le persone trattandole come incapaci.Io vorrei qualcuno che si occupasse della res pubblica con devozione, senso di sacrificio e lealtà (non è una battuta!!lo penso davvero!!).La competenza va pagata, ma a loro darei un bollettino postale per restituire tutto quello che hanno impunemente guadagnato, ovvio con gli interessi!!

    RispondiElimina
  4. Bunakara
    l'empatia per me è un'altra cosa. Ce la puoi avere solo con le anime a te affini. Devi aver vissuto, provato, capito. Io penso che un politico dovrebbe avere alle sue spalle una grande esperienza UMANA. Ma tu lo sai che io sogno solo. E comunque non esiste l'empatia forzata, o falsa. O c'è o non c'è.

    RispondiElimina
  5. Anonima nostalgica
    hai iniziato il tuo commento con un nome. Giovanardi. E mi fermo qui. Ciao.

    RispondiElimina

La Ele

Questo sorriso si chiama Eleonora. Ha 19 anni. E sta facendo un viaggio speciale. Sola. La Ele la conosco da tempo perché ...